domenica, dicembre 09, 2007

Il diavolo veste Prada (libro)

Ultimamente mi sto abituando a leggere tre libri insieme, generalmente uno di lavoro (dunque di stampo economico ... in questo caso "Brand management. Valori e relazioni nella gestione della marca" ... comunque sconsigliato), uno sociale (Energetico, Politico, Geopolitico, in questo caso "Schock Economy" consigliatissimo ) e uno "da relax".

In Aeroporto ho avuto la malaugurata idea di comprare "Il diavolo veste Prada" memore del film carino (visto in inglese) un anno o due fa durante la trasvolata Milano - New York ...

E' un libro che mi innervosice in quanto mi fa tornare alla mente diversi personaggi che incrocio per lavoro e che fanno ruotare il mondo intorno a loro stessi, ai loro capricci e al loro ego ... sono lo stesso tipo di persone che danzavano sul Titanic mentre affondava.

Insomma, Miranda Priestly mi sta sulle palle in modo stratosferico ... credo che in segno di protesta nei confronti di quella categoria di persone (e perché non mi coinvolge per nulla) abbandonerò il libro a metà.

lunedì, novembre 12, 2007

lunedì, ottobre 29, 2007

Mi sono fatto la Mount Epica


Vabbé, non interessa a nessuno, ma con 90 medaglie mi sono fatto la Mount Epica ... guardate quanto sono bello!!!

Di che parlo? niente niente ...

lunedì, ottobre 22, 2007

lunedì, ottobre 08, 2007

Alternativa ad acrobat PDF reader

Ieri, stufo dei continui crash di Acrobat PDF Reader sia su XP che su VISTA che DELL ci ha obbligato a comprare sui nuovi lapotop nonostante noi avessimo chiesto XP per OVVIE questioni di stabilità ... mi sono messo a cercare una alternativa ... beh, in 2 mega e mezzo foxitreader vi permette di non avere installata quella schifezza di Abobe Acrobat Reader.

E' finita la pacchia del web 2.0!

La mia maggiore preoccupazione è ... mica i clienti mi telefoneranno perché non vogliono più il logo con le trasparenze sulle loro piattaforme di e-learning vero??

Scherzi a parte, i VC si stanno ritirando dal finanziamento delle stratup ... ecco un articolo di Marco Palombi in proposito.

Pulitzer! Pulitzer!


Penso che questo titolo dia una risposta sintetica ad almeno il 90% dei quesiti di geopolitica.

Articolo originale qui


Un commento in italiano qui

sabato, ottobre 06, 2007

Slide - Modelli di business per il software open source

Eventi smau E-Academy

Ecco il calendario dei Workshop Docebo a Smau e-Academy e il link per scaricare le slide del workshop tenuto all'Open Source Expo di Rovigo:

Slide: Modelli di Business per il software open source

SMAU E-ACADEMY 17-20 OTTOBRE 2007

http://www.webb.it/event/archive/330/

17 Ottobre - 13.00 - Modelli di Business per il software Open Source (Claudio Erba - Docebo.com)
17 Ottobre - 17.00 - Infrastrutture tecnologiche in ambienti mission critical (Antonio Baldassarra - Seeweb.it)
20 Ottobre - 12.30 - Docebo, la piattaforma di e-learning Open Source Italiana (Claudio Erba - Docebo.com)
20 Ottobre - 14.30 - Modelli di progettazione e raffinamento delle interfacce di una piattaforma e-learning (Andrea Garavaglia - Università Bicocca)

Segnaliamo inoltre che il Secondo Docebo Day si terrà il giorno 7 Novembre 2007 a Milano, Palazzo delle Stelline (Via Magenta), all'interno dell'Evento Forum Formazione (6-7 Novembre 2007). Il calendario definitivo verrà comunicato al più presto.

http://forumformazione.somedia.it/

lunedì, settembre 24, 2007

Miei seminari all'open source expo di Treviso

Ciao a tutti,

Venerdi' 28 sarò all'Open Source Expo di Rovigo. Io e Antonio Baldassarra di Seeweb terremo tre seminari che occuperanno tutto il pomeriggio:

  • [Claudio Erba - Docebo Srl] - Docebo, la piattaforma open source per e-learning dedicata alle organizzazioni complesse
  • [Antonio Baldassarra - Seeweb Srl] - Infrastrutture tecnologiche Open Source Based in ambienti mission critical
  • [Claudio Erba - Docebo Srl] - Modelli di business per il software open source
Per chi non potesse essere presente a Rovigo terrò anche seminari a:
  • SMAU/Webbit (Milano) i giorni 17 e 20 Ottobre
  • Forum Formazione (Milano) il giorno 6-7 Novembre, il giorno 7 novembre ci sarà un workshop tutta la giornata per il secondo Docebo Day.
Per questi eventi i calendari definitivi saranno pubblicati molto presto.

Speriamo di riuscire a trasmettere qualcosa con http://www.ustream.tv/ ma non ci ho ancora lavorato ...

Cla

martedì, settembre 04, 2007

Come volevasi dimostrare .. se Alitalia si suicida ...

Ryanair reclama Malpensa!

Nota: Ryanair è partecipata dal Texas Pacific Group, fondo di investimento che è "scappato a gambe levate" quando ha visto le condizioni imposte a rilevare il carrozzone Alitalia ...

venerdì, agosto 31, 2007

Strategie Alitalia - Malpensa, speriamo che Alitalia se ne vada.

Oggi si esce un po' fuori dal seminato ... non si parla di informatica o di buona cucina (oramai argomenti ricorrenti sul questo blog) ma di una riflessione sulla decisione di Alitalia di ridurre il traffico su Malpensa ...

Da viaggiatore con mediamente 20 voli all'anno in attivo (di cui ZERO con Alitalia) dico che in effetti Malpensa è quello che è, un po' fuori mano per i traffici nazionali o per i "one day travel" (Guai chi mi tocca Linate!) ma per gli intercontinentali ecc è un ottimo spazio non sfruttato.

Al solito il "Padano" (razza di cui, volente o nolente, faccio parte) si scalda, si arrabbia, dice che Alitalia deve restare a Malpensa ... ma io dico, perché? Confrontata alle altre europee (Air France, British, Lufthansa ecc...) Alitalia è una compagnia:

  • Più Cara
  • Più ritardataria
  • Con tratte schifose
(Vi invito a vedere una statistica sui margini per volo per capire che le altre compagnie fanno Business e noi buttiamo soldi, voi volereste con una compagnia che NON HA SOLDI e dunque non può investire sulla manutenzione o su una flotta nuova?)

L'unico volo che prendevo volentieri era il Milano New York, niente scali, appoggiavi il sedere sull'aereo, scendevi a JFK, salivi sulla metrò e dopo 45 minuti eri già a Manhattan sulla quarantacinquesima ... ma per il resto nessun volo interessante ma soprattutto nessuna altra compagnia interessante.

La mia idea da "purtroppo globalizzato" è quella di liberare gli slot alitalia e concederli a 3 Big che facciano tratte:

- Sull'Asia (io per andare a Pechino ho dovuto decollare da Parigi con Air France, Alitalia, Oltre che a NON FARMI PRENOTARE ONLINE voleva FARMI SCALARE A MOSCA). Qui di candidati ce ne sono a bizzeffe, China Airlines, Cathai, Thai, Singapore ecc ...
- Sul sud America
- Sugli stai uniti (E qui Delta potrebbe prendere gli slot che ha in code sharing con alitalia)

A questo punto Malpensa, liberata dal fardello di una compagnia che mette migliaia di vincoli, diventerebbe si un hub internazionale che convoglierebbe anche voli di passeggeri europei che scalerebbero a Malpensa per partire per le tre destinazioni citate sopra facendo concorrenza a Tedeschi, Francesi, Inglesi, Austriaci e Spagnoli.

Dunque via Alitalia da Malpensa (e in fretta) e subito accordi con i Big player.

Altre tre note della stupidaggine Alitaliana:

Aneddoto 1: Quest'anno volevo farmi il week end di Sant'Ambrogio a New York e mi è venuta l'idea di controllare quanto costasse fare la tratta in Business e non in Economy, bene Air France e British si attestavano sui 2.100-2.500 Euro (a persona), Alitalia 3.600 ...

Aneddoto 2: Andate la mattina a Linate (o collegatevi ad internet e controllate che è uguale) e guardate quanti voli su Roma Alitalia cancella, di solito uno si uno no sono cancellati e sapete perché? Perché non riempiendo un Volo caricano tutti sull'altro per risparmiare ...

Aneddoto 3: Ma dove cavolo stava l'antitrust quando Alitalia ha comprato Volareweb eliminando le tratte Milano - Roma? Dove stava l'antitrust quando Airone si era candidata a comprarla così avrebbe avuto il monopolio sulla tratta Milano Roma? (parlo di Linate).

Cla!

giovedì, agosto 23, 2007

Il fallimento di Second Life

Certo, prima se ne accorgono gli "americani" ma è successo (ancora), sembra che i media IT e la finanza IT siano sempre pronti ad entusiasmarsi alle "mode" salvo poi accorgersi che spesso chi credeva e usava quei progetti sono solo loro ... sembra che il fenomeno secondlife si stia "sgonfiando", non ho parlato prima delle mie perplessità perché non ho seguito molto questo fenomeno, mi sono limitato a tentare di usarle Secondlife, ma dopo dieci minuti di cattivo feeling con l'ambiente (interfacce scarne, poca usabilità del sistema ecc..) ho abbandonato l'idea.

Quello che penso è ricalcato da quest'articolo (Second Life è un deserto vuoto. Scoperta l’acqua calda) che, senza giri di parole, spiega la realtà secondlife. Tra l'altro anche un quotidiano che ogni settimana elogiava ogni inutile iniziativa online purché fosse presente su secondlife ha pubblicato un articolo "dubbioso" ed un sondaggio con risultati significativi ...

Ovviamente qualcuno non la pensa così.

domenica, luglio 15, 2007

Web 2.0 e integrazione dei contenuti ...

Allora, mi sembra abbastanza assodato che i vari strumenti "social" che ci sono a disposizione sono una potenza di marketing che amplifica la visibilità di ogni singola iniziativa in modo abbastanza significativo ... mi chiedo però, come integrare il tutto all'interno del sito aziendale?

In effetti ho fatto una analisi di quello che sono gli strumenti web 2.0 che vorrei usare per comunicare, creare consenso e generare traffico e ho selezionato queste fonti

- http://www.linkedin.com per i profili - network business oriented
- http://www.flickr.com per le immagini
- http://www.youtube.com per i video/demo software
- http://www.slideshare.net per le presentazioni
- http://www.blogspot.com per i blog aziendali
- http://www.articlesfactory.com/ per articoli-comunicati stampa redistribuili e replicabili
- http://www.facebook.com per le community e i network
- http://www.creativecommons.com per la pubblicazione di manuali e papers ...

Il problema (parziale ma non troppo), è l'integrazione di questi contenuti con il sito aziendale ... . nel senso ... è pensabile una integrazione "sitocentrica" anche a livello di visualizzazione o è meglio "rimbalzare" l'utente sui vari siti? Immagino che la risposta sia la prima ... ma voi che ne dite? E come vi regolate con le API di pubblicazione? La duplicazione del lavoro (pubblicazione di un articolo sul proprio sito e pubblicazione di un articolo sul portale di riferimento web 2.0) ecc ...?

Cla!

venerdì, maggio 04, 2007

[Fanta-Scenario] Perché GOOGLE dovrebbe comprare ADOBE

E' una settimana che ho un'idea per la testa ... GOOG ha fatto il colpo grosso comprando youtube ma gli rimane un problemuccio ... tutti i contenuti sono veicolati attraverso il player FLASH di Adobe; non mi interessa nulla di tutto il resto tipo Photoshop, Captivate, Breeze (bleah) ... mi interessa che tutto quello che è multimedia funziona via Flash Player, due esempi su tutti, Youtube è tutto su Flash e Myspace gestisce la parte multimediale su flash.

Ora, sembra che la moda della finanza legata all'IT ruoti intorno a due elementi

  • Il video
  • La pubblicità
E visto che Google si è appena pappata DoubleClick Microsoft si pappa Yahoo, per la bellezza di 50 Bilions...

Facciamo che GOOG si pappi Adobe ... questo vuol dire che COMUNQUE VADA sia Microsoft che Yahoo dovranno adattarsi a questa cosa ed esserne abbastanza "ostaggi", okok Microsoft tenterà di imporre altre sue schifezze tipo formare il media player embeddato ... ma sappiamo come andrà a finire comunque ... GOOG tirerà fuori la solita magia, FLASH va nel W3C, Dreamweaver conterrà classi per autocrearsi le API di GOOGLE e tanti saluti a tutti.

Passiamo alla parte finanziaria, ora MSFT potrebbe avere le casse vuote (per modo di dire) per dover acquistare Yahoo a 50 Bilions (Yahoo capitalizza 38 Billions oggi), GOOG, visto anche la capacità che ha di poter attingere senza problemi (vista l'aura di magia che la circonda) al mercato dei capitali potrebbe tentare di comprare Adobe ad un prezzo che se basato sulla capitalizzazione di borsa l'affare potrebbe concretizzarsi intorno ai 28 Billions ... lo sforzo finanziario sarebbe, in proporzione, più elevato di quello di mamma Microsoft in quanto Google dovrebbe investire 3 volte il fatturato annuale o nove volte i profitti dell'ultimo anno e Micorsoft sta per investire in yahoo una cifra che è una volta il fatturato annuale o 4 volte i profitti (in realtà esistono mille modi per portarsi a casa Adobe a meno, tipo concambi azionari, maggioranze relative ecc ... ma non entriamo in questi dettagli.)

Dunque, perché questo Post? Semplicemente per confrontarmi con voi e capire se questa ipotesi è strategicamente valida, se GOOG avrebbe vantaggi competitivi comprando ADOBE o se già il fatto di aver lavorato con AJAX ha ridotto i margini di quello che è lo spazio che Flash/Flex& Co si sono ritagliati sul mercato.

mercoledì, marzo 28, 2007

Laser, Update

Visita dopo un mese dall'intervento:
Occhio sinistro: 100% di recupero
Occhio destro: facciamo 98% di recupero ... in progressivo miglioramento nei prossimi due mesi.

Dettagli da domande specifiche fatte all'oculista che mi ha visitato (e operato un mese e mezzo fa):

  • Il cortisone rallenta il recupero completo della vista perché è un anticicatrizzante, infatti i miglioramenti si notano immediatamente dopo la riduzione del dosaggio
  • I dolori provati da altre persone operate in altri ospedali derivano dal fatto che non usando macchine di ultima generazione (ora sono alla quarta, l'FDA ha in approvazione macchine di quinta) l'incisione è più profonda
That's all!!!

martedì, marzo 27, 2007

Come mi vedono gli altri ...

Molto sulle mie, quadrato, incazzoso, tremendo, insopportabile

Oggi mi sento un Dio ...

lunedì, marzo 26, 2007

Laser agli occhi, epilogo

Allora, è fatta, sono senza occhiali da ormai un mese ... (coro: Pirla perché non ci hai scritto prima?) Non vi ho scritto prima perché per recuperare tutto ci vuole un mese, non pensate di uscire e vedere perfettamente. Ora inizio la cronaca.

Giorno: Giovedì 15 febbraio (guarda a caso il giorno più luminoso dell'anno, che sfiga)

Ore: Boh tipo le 9

Agitato?: No, anzi si, avevo che si fermasse qualche server mentre ero sotto il laser e iniziasse a suonare il cell ... :-D

Inizio:

  • Mi tengono vestito ma mi mettono telo verde, cuffietta e pantofoline copriscarpe ... vabbé
  • Mi mettono seduto tra due ragazze che ad ogni goccia di collirio fanno "ahhhh shhhhh" ... in realtà il collirio non fa male e non dà fastidio.
  • Collirio 1, dilatazione pupilla
  • Collirio 2, dilatazione pupilla
  • Collirio 3, dilatazione pupilla
  • Collirio 4, anestetico (IO: Infermiera?? si è dimenticata il sinistro, non ho sentito la goccia ... LEI: Ma va! ... :-/ )
  • Entro, mi fanno sdraiare sotto il macchinario
  • Secondo giro di anestetico (menomale ...)
  • Molla nell'occhio per tenerlo aperto (dolore zero)
  • Spatolina per rimouovere le cellule superficiali della cornea (qualche fastidio)
  • Pressione di 20 secondi non so di cosa (dolore zero ma hai sempre le mani negli occhi...)
  • Acqua ghiacciata per raffreddare la cornea (dolore zero)
  • Laser (dolore zero)
  • Acqua ghiacciata per raffreddare la cornea (dolore zero)
  • Tolta molla via con l'altro occhio
  • Finito
Ok, che pensavate che tutto fosse finito?, ora inizia tutto. Innanzitutto luce tremenda, occhi chiusi fino a casa, impossibile vedere qualsiasi fonte di luce. Dunque giorno uno a letto, nessun dolore ma fastidio tremendo con la luce dunque nessuna ttività, sporadico check delle e-mail quando possibile. Vista recuperata ma il primo giorno mi sa che mi mancavano ancora due decimi.

Giorno due: Splendido, sono andato da solo a far la visita (non fatelo).
Giorno tre e quattro: Fastidio tremendo alla luce ... nessun dolore ma costretto a letto.

Poi ... tutta discesa ... il recupero della vista è graduale, non preoccupatevi se nelle due settimane successive vedete meno bene dei 10/10, le prime due settimane c'é una fotosensibilità accentuata, vista notturna non ottimale, problemi a vedere nitidamente il colore bianco al buio (es. cartelli stradali e scritte varie). La vista da vicino viene a diminuire (non potevo leggere i caratteri del PC) in quanto i muscoli dell'occhio sono atrofizzati in quanto con gli occhiali non dovevano sforzarsi di mettere a fuoco, la muscolatura si riforma in due settimane. A distanza di un mese 10/10 e vista da vicino perfetta, per il primo mese l'occhio tende a stancarsi dunque vedrete meglio la mattina che la sera.

Da parte mia dolore zero, amici operati (in altri ospedali non al San Raffaele) hanno avuto dolori, secondo me erano laser non di quarta generazione (io ho fatto la PRK non la LASIK)

Consigli:
  • Telefonino, luminosità display al minimo
  • Monitor del PC, idem
  • Radio di fianco al comodino
  • Fazzoletti di fianco al comodino
  • Finestre chiuse
E' andata ... la rifarei? penso di si ... però sono rimasto 5 giorni senza giocare a World Of Warcraft
Cla!