domenica, dicembre 09, 2007

Il diavolo veste Prada (libro)

Ultimamente mi sto abituando a leggere tre libri insieme, generalmente uno di lavoro (dunque di stampo economico ... in questo caso "Brand management. Valori e relazioni nella gestione della marca" ... comunque sconsigliato), uno sociale (Energetico, Politico, Geopolitico, in questo caso "Schock Economy" consigliatissimo ) e uno "da relax".

In Aeroporto ho avuto la malaugurata idea di comprare "Il diavolo veste Prada" memore del film carino (visto in inglese) un anno o due fa durante la trasvolata Milano - New York ...

E' un libro che mi innervosice in quanto mi fa tornare alla mente diversi personaggi che incrocio per lavoro e che fanno ruotare il mondo intorno a loro stessi, ai loro capricci e al loro ego ... sono lo stesso tipo di persone che danzavano sul Titanic mentre affondava.

Insomma, Miranda Priestly mi sta sulle palle in modo stratosferico ... credo che in segno di protesta nei confronti di quella categoria di persone (e perché non mi coinvolge per nulla) abbandonerò il libro a metà.