venerdì, agosto 31, 2007

Strategie Alitalia - Malpensa, speriamo che Alitalia se ne vada.

Oggi si esce un po' fuori dal seminato ... non si parla di informatica o di buona cucina (oramai argomenti ricorrenti sul questo blog) ma di una riflessione sulla decisione di Alitalia di ridurre il traffico su Malpensa ...

Da viaggiatore con mediamente 20 voli all'anno in attivo (di cui ZERO con Alitalia) dico che in effetti Malpensa è quello che è, un po' fuori mano per i traffici nazionali o per i "one day travel" (Guai chi mi tocca Linate!) ma per gli intercontinentali ecc è un ottimo spazio non sfruttato.

Al solito il "Padano" (razza di cui, volente o nolente, faccio parte) si scalda, si arrabbia, dice che Alitalia deve restare a Malpensa ... ma io dico, perché? Confrontata alle altre europee (Air France, British, Lufthansa ecc...) Alitalia è una compagnia:

  • Più Cara
  • Più ritardataria
  • Con tratte schifose
(Vi invito a vedere una statistica sui margini per volo per capire che le altre compagnie fanno Business e noi buttiamo soldi, voi volereste con una compagnia che NON HA SOLDI e dunque non può investire sulla manutenzione o su una flotta nuova?)

L'unico volo che prendevo volentieri era il Milano New York, niente scali, appoggiavi il sedere sull'aereo, scendevi a JFK, salivi sulla metrò e dopo 45 minuti eri già a Manhattan sulla quarantacinquesima ... ma per il resto nessun volo interessante ma soprattutto nessuna altra compagnia interessante.

La mia idea da "purtroppo globalizzato" è quella di liberare gli slot alitalia e concederli a 3 Big che facciano tratte:

- Sull'Asia (io per andare a Pechino ho dovuto decollare da Parigi con Air France, Alitalia, Oltre che a NON FARMI PRENOTARE ONLINE voleva FARMI SCALARE A MOSCA). Qui di candidati ce ne sono a bizzeffe, China Airlines, Cathai, Thai, Singapore ecc ...
- Sul sud America
- Sugli stai uniti (E qui Delta potrebbe prendere gli slot che ha in code sharing con alitalia)

A questo punto Malpensa, liberata dal fardello di una compagnia che mette migliaia di vincoli, diventerebbe si un hub internazionale che convoglierebbe anche voli di passeggeri europei che scalerebbero a Malpensa per partire per le tre destinazioni citate sopra facendo concorrenza a Tedeschi, Francesi, Inglesi, Austriaci e Spagnoli.

Dunque via Alitalia da Malpensa (e in fretta) e subito accordi con i Big player.

Altre tre note della stupidaggine Alitaliana:

Aneddoto 1: Quest'anno volevo farmi il week end di Sant'Ambrogio a New York e mi è venuta l'idea di controllare quanto costasse fare la tratta in Business e non in Economy, bene Air France e British si attestavano sui 2.100-2.500 Euro (a persona), Alitalia 3.600 ...

Aneddoto 2: Andate la mattina a Linate (o collegatevi ad internet e controllate che è uguale) e guardate quanti voli su Roma Alitalia cancella, di solito uno si uno no sono cancellati e sapete perché? Perché non riempiendo un Volo caricano tutti sull'altro per risparmiare ...

Aneddoto 3: Ma dove cavolo stava l'antitrust quando Alitalia ha comprato Volareweb eliminando le tratte Milano - Roma? Dove stava l'antitrust quando Airone si era candidata a comprarla così avrebbe avuto il monopolio sulla tratta Milano Roma? (parlo di Linate).

Cla!

2 commenti:

Indaco ha detto...

Beh...se e' per questo ilcaso piu' clamoroso e' Meridiana sulla Sardegna.

Sono d'accordo con te, mi sfuggono tutti i parametri del problema ma mi intriga l'idea di aprire alle compagnie low cost che vogliono passare al lungo raggio (vedi Ryanair ma anche altri), partecipate o no dalla Regione, a quelle che hanno strutture leggere e non sono "di bandiera" e quindi di stato. E il lungo raggio non lo si fa dai piccoli aereoporti.... un Hub trovatello al centro di uno dei piu' importanti mercati d'Europa sarebbe l'ideale... Anche cosi' ho il sospetto che questi sarebbero molto molto efficienti e avere un MI-NY gestito con gli standard di Ryanair o qualche servizio in piu' ma stessi principi di efficienza darebbe fastidio anche agli altri Hub europei. Purtroppo gli accordi bilaterali e chissa' quali altri vincoli poco trasparenti impediscono probabilmente tutto questo... Ripeto, mi sfugge parecchio, ma avere i low cost a lungo raggio nella brughiera mi intriga assai.... ho gia' la valigia pronta :-)

Claudio Erba ha detto...

Guarda, Low Cost o no a me piacerebbe avere anche uno standard British, Air France o altri ... che poi arrivino le low cost sarebbe eccezionale, ridaremmo visibilità ad un Hub che, in quanto a panorama mentre aspetti un aereo e vedi le montagne innevate è stupendo ... mi ricordo ancora al Gate per partire per NYC, musica di Alicia Keys e le montagne innevate, che bello!

P.S. Hai visto le offerte meridiana per NYC Low Cost?

Ciao
Cla!